Passeggiando nel tempo

PASSEGGIANDO-NEL-TEMPO                                                                                                                                                                                                                                                                         Passeggiando nel tempo

Edizioni del Leone, Venezia, 2004, pagg. 110
con la prefazione di Paolo Ruffilli

Il volume è diviso in quattro sezioni: Il viaggio, Echi dal pianeta terra, La donna delle meraviglie e Canzonette

 

 

                     TUTTO ESISTE

Tutto esiste su questa sfera opaca e solitaria:
l’amore tenero e bugiardo
il ladro gentiluomo
il gatto sornione e il grillo temerario,
la bufera e l’aurora
il fucile e la rosa.
L’ira esiste e il perdono
la luna piena e l’eclisse,
la donna generosa all’angolo di strada
e il gitano con la mano tesa.
Su questo pianeta rappreso in un pugno
l’ostinato gamete perpetua la vita,
il riso spudorato versa lacrime grevi
e il lazzo e la noia giostrano a paso doble
legittimando equivoco e apparenza.

(da Passeggiando nel tempo, pag. 25)

 

IL MATRIMONIO DI MARIA

                                            Ad Hanna Schygulla

Tu sì che hai un senso
se vinci l’oblìo
risorgendo dalla catastrofe.
Con occhi spersi fra macerie
imbavagli nel basco la bionda follia
e ne accordi un barbaglio
col nudo valzer della trina
sul precipizio del fotogramma.

(da Passeggiando nel tempo, pag, 61)

 

 La poesia di Rossano Vittori si muove nello spazio originale e stimolante di un’elegia rivisitata a partire da un retroterra filosofico-esistenziale personalissimo e anticonformista…qualcosa d’inconsueto  nel panorama della poesia italiana…
Nucleo centrale e direttrice dinamica di Passeggiando nel tempo è il rapporto tra natura e storia, riportato allo specifico della quotidianità del suo autore, cioè alla realtà del suo vigile lavoro intellettuale che vede (sente, intuisce) e si sforza di decifrare (interpretare, capire) gli “echi dal pianeta terra”, fissati in una partitura in versi che è un’opera figurativa insieme coloristica e musicale.
                                                    (dalla prefazione al volume di Paolo Ruffilli)

Diviso in quattro parti, il volume ci porta dentro una vertigine che contempera tematiche molto diverse tra loro e perfino versi che con semplicità e fermezza affrontano il sociale. Ma sia che si esprima con accenti lirici, sia che volga l’attenzione alla realtà del quotidiano, Vittori non spreca parole, non gioca con le parole di cui ha un sacro rispetto. E si avverte la sua raffinatezza, il suo saper cogliere i momenti cruciali della vita e fermarli per farne meditazione, viatico che deve accompagnarlo per le vie del mondo.
                                                                                        (Dante Maffia, in Polimnia)

..un bel libro dove c’è la compresenza della trivialità delle miserie quotidiane e la meraviglia per come le stesse possano divenire eroico sentire e struggente vista sull’essere umano.
                                                                                      (Fabio Simonelli, in Poesia

..la poesia “Il mistero”, nel distico finale, con “Mando segnali in un otre di spazio/e attendo il rombo che discioglie ogni roveto”, rivela una duplice sinestesi, quale momento di profonda sintesi poetica di rara caratura.                                                             (Emilio Diedo, in Punto di vista)

 

                 IL MISTERO

Un misterioso inumano
s’aggira al di là del velario
e io sono qui, uomo nella perenne preistoria.
Sto nello spettro angusto dell’arcobaleno
dove il volo lieto d’un pavone
mi dice tutto di me
e pure mi esalta l’approdo di un Cristoforo
a un solitario pianeta.

Mando segnali in un otre di spazio
e attendo il rombo che discioglie ogni roveto.

(da Passeggiando nel tempo, pag. 15)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>